Prima che sia domani

📚Prima che sia domani📚

di Clare Swatman

FullSizeRender.jpg

Edito da: Mondadori

⭐️⭐️⭐️⭐️ 4 stelle

Ho finito di leggere questo libro negli ultimi giorni. Avevo scaricato il file di prova sull’iPad da iBooks e l’incipit mi aveva catturata fin da subito. Così ho deciso di acquistare il cartaceo e mio marito me lo ha prontamente regalato (grazie, amore mio :*). Comunque, inizia tutto con una tragedia: l’improvvisa morte di Ed, il marito di Zoe, la protagonista di questo struggente romanzo. Il rapporto tra Zoe ed Ed, una volta appassionato di travolgente, si era corroso soprattutto per la loro visione diversa della vita: lui voleva vivere in una casa fuori città con un grande giardino e tanti bambini, e lei amante della vita Londinese e ambiziosa nel lavoro. Oltre a tutto ciò, non erano riusciti ad avere il bambino che Ed tanto desiderava e Zoe ne soffriva terribilmente. Ma questo lo veniamo a sapere solo dopo la morte di Ed, perché Zoe – dopo essere caduta in giardino e aver picchiato la testa – sembra poter rivivere i momenti più importanti con il suo Ed. Pagina dopo pagina veniamo trasportati indietro nel tempo al fianco di Zoe. Viviamo le sue stesse emozioni e le sue paure più profonde. Ma riuscirà veramente a cambiare qualcosa? Riuscirà a salvare Ed dal suo terribile destino?

Beh, solo leggendolo lo scoprirete 😉

Citazioni:

“Devi fare qualcosa, non puoi semplicemente aspettare che la vita ti passi accanto. Sai come diceva quel vecchio proverbio: meglio pentirsi di ciò che si è fatto che di ciò che non si è fatto.”

“Se la mente è un posto strano, allora la mia è il più strano di tutti.”

© Review a cura di Alessia Prestanti

Annunci

Le sette sorelle

📚Le sette sorelle📚

di Lucinda Riley

FullSizeRender.jpg

Edito da: Giunti

⭐️⭐️⭐️⭐️4 stelle

Oggi vi parlo di questo romanzo che ho letto al mare poco tempo fa. Un libro perfetto per evadere (adatto per l’estate 😀 ) ed immergersi in un mondo parallelo per riscoprire storie ed amori passati, che s’intrecciano col presente. Le sette sorelle è il primo libro dell’omonima saga – per ora in Italia composta da tre libri –  e racconta la storia di Maia, la prima delle sorelle. Sorelle sì, ma non di sangue: infatti il ricco e benestante Pa’ Salt ha adottato ognuna di queste ragazze da parti diverse del mondo e ognuna porta con sé una particolare e segreta storia. I loro nomi inoltre sono quelli delle Sette Sorelle, la costellazione delle Pleiadi. A causa della loro brillantezza e vicinanza fra loro, le stelle delle Pleiadi erano note fin dall’antichità. In questo romanzo siamo trasportati nella vita di Maia, che per scoprire le sue origini volerà dalla sua bella villa in Svizzera fino a Rio de Janeiro. Lucinda Riley ci trasporta indietro nel tempo, facendoci scoprire pian piano, pagina dopo pagina, la storia di Maia e come questa influenzerà anche il suo presente.

Citazioni:

“Ho come l’impressione che, a causa di una qualche esperienza, tu abbia perso fiducia nella natura umana. Maia adorata: anch’io ho sofferto del tuo stesso male e sappi che questo mi ha rovinato tante cose. Solo col tempo ho imparato che per ogni mela marcia, esistono centinaia di persone dal cuore limpido e generoso. Devi riuscire a credere nel bene insito in ognuno di noi. Solo allora sarai capace di vivere appieno la vita e l’amore.”

“Sono convinto che quando un persona nasce creativa, disse Laurent, è come se la sua anima fosse un cielo pieno di stelle cadenti, e la sua mente un globo che si volta verso qualunque musa riesca a catturare la sua immaginazione.”

“Quale follia si era impossessata di lei? La pazzia dell’amore…”

© Review a cura di Alessia Prestanti

 

Trono di spade TAG

game-of-thrones-season-7_650x400_61489120378.jpg

Ciao a tutti, oggi vado un po’ off-topic rispetto al genere del mio blog, perché partecipo ad un TAG particolare sulla serie del Trono di spade, in occasione della nuova stagione. Ma il successo delle serie tv deriva anche dai libri della saga, quindi alla fine non è proprio fuori rotta! 🙂 Io per esempio ho letto i primi due libri e sono in pari con la serie tv. Ma… andiamo al sodo.

Ecco le domande:

  1. Tre/cinque aspetti che adori della saga.
  2. Tre/cinque aspetti che odi della saga.
  3. A quale casata vorresti appartenere e perché?
  4. Quale sarà il finale secondo te?
  5. Un personaggio che ami e perché?
  6. Un personaggio che odi e perché?
  7. Che ruolo vorresti avere nella storia e perché?
  8. Quale animale/simbolo starebbe sul vessillo della tua casata, oltre a quelli presenti nella serie/libri e perché?
  9. Il miglior episodio e il peggiore.

 

Sarò breve e concisa, non voglio fare una cosa troppo impegnativa e occhio agli spoiler che ci sono. Ed ecco le mie risposte:

 

  1. L’intreccio della storia, la sua epicità, l’aspetto fantasy, la forte caratterizzazione dei personaggi e sicuramente la tempesta emotiva che ci coglie alla morte improvvisa di personaggi ai quali ci eravamo affezionati.
  2. Difficile trovare qualcosa che odio. Direi comunque per la serie tv, l’attesa tra un episodio e l’altro. 😀 Il non potersi troppo legare ai personaggi, perché non si sa mai cosa potrebbe succedere loro. Sbam! 😦
  3. Targaryen, direi. Per cavalcare i draghi. Perché è la casata del fuoco. Ma soprattutto per Daenerys, per la sua forza, indipendenza, decisione, per il suo #girlpower insomma 🙂
  4. Secondo me ci sarà uno scontro finale tra gli estranei, e gli umani. E le casate, dopo tutti questi scontri interni per la conquista del trono, dovranno unire le loro forze per combatterli. Così, insieme, potranno sconfiggere il male.
  5. Daenerys. Ho già detto perché nella risposta n.2 😉 Ma amo anche Arya, per il suo coraggio e la sua instancabile determinazione.
  6. Ecco, ho odiato Joffrey, per la sua prepotenza e infinita cattiveria, ma soprattutto per la fine che ha fatto fare a Ned Stark; ho odiato Stannis Baratheon per aver sacrificato inutilmente la piccola principessa Shireen e indubbiamente Ramsay Bolton per il suo folle sadismo.
  7. Sicuramente vorrei ricoprire il ruolo di Daenerys, nata dalla tempesta e regina dei draghi, capace di resistere al calore del fuoco. Fighissima.
  8. Bè, sarebbe sicuramente un leone alato ed il colore della bandiera giallo e verde. Perché mi rappresenta e i colori sono un po’ un simbolo mio e di mio marito. Io amo il giallo e lui il verde.
  9. Non esistono di migliori e peggiori, non saprei proprio scegliere, ma tra quelli che mi hanno lasciato a bocca aperta sicuramente c’è quello delle nozze rosse, lo scontro tra la Vipera e la Montagna, la battaglia sulla Barriera, il momento romantico tra Jon e Ygritte… e praticamente ogni finale di stagione. 😀

 

Le domande del tag sono nate da Greta Cadei, e l’ultima da Sebastiano. Ed ecco i canali YouTube degli altri ragazzi che hanno partecipato al tag, dando vita a questa divertente collaborazione. Vi invito ad andare a vedere le loro risposte.

Book Addicted

Dada Who

Gabinka Ricciocornia

Giorgia BlaBla

M’hanno detto di fare un blog

Mary’s Reading

Passione Retorica

Sebastiàn Lector Sombrero

Grazie ancora e alla prossima! 😀

Alessia

 

La mia intervista

Ciao a tutti readers,

oggi voglio condividere con voi l’intervista che mi ha fatto Giulia, persona squisita e professionale, scrittrice, blogger e youtuber (–>M’hannodettodifareunblog). La ringrazio tantissimo per aver letto i miei libri e aver ritagliato un po’ di spazio per me.

In questa intervista rispondo alle curiose domande di Giulia e parlo un po’ della mia passione per la scrittura, come è nata, e come è nato il primo e il secondo romanzo, se la storia e la protagonista hanno a che fare con la mia vita, progetti futuri e molto altro…

Vi lascio al video! 🙂

 

ps: scusate il mio marcato accento toscano e la mia agitazione per la telecamera, spero mi perdonerete. 😀

Alessia

Lolita

📚Lolita📚

di Vladimir Nabokov

IMG_2017-07-07 12:21:32.jpg

Edito da: Gli Adelphi

⭐️⭐️⭐️ 3 stelle (e mezzo)

Nabokov è senz’altro un autore stravagante, dal quale si può sicuramente imparare a scrivere. Il romanzo  è ricco di figure retoriche, di affascinanti sinestesie, che trasportano il lettore in un’altra dimensione, nella testa del protagonista. Il punto di vista è unico nel suo genere: si può dire che il narratore sia un “cattivo”. Infatti tutta la storia ci viene raccontata dal facoltoso Humbert Humbert, che ha un debole per le giovani ragazzine, da lui chiamate “ninfette”. Non si sfocia mai nella mera pornografia. Tutto è descritto con minuzia e delicatezza. Il suo smisurato amore, la sua adorazione per la piccola tredicenne Lolita trasudano da ogni pagina. Alcune parti sono fin troppo dettagliate, come l’elenco dei luoghi visitati. A parer mio finiscono solo per tediare il lettore. Non voglio fare spoiler, perciò vi dico che questo rimane un classico della letteratura senz’altro da leggere. Ma occorre essere psicologicamente un po’ preparati per entrare nella testa dell’anomalo Humbert Humbert. Sono stata molto indecisa nell’attribuzione delle stelle, perché per quanto il romanzo sia scritto in maniera impeccabile e ricercato, e tratti un argomento particolare, non è così emotivamente coinvolgente per arrivare alle 4 stelle, secondo me.

Citazioni:

“Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta. La punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per andare a battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta. Era Lo, semplicemente Lo, al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.”

“Era innamorata di mio padre, e lui ne aveva spensieratamente approfittato in un giorno di pioggia, per poi dimenticarsene al primo raggio di sole.”

“Un cambiamento d’ambiente è la tradizionale premessa fallace in cui ripongono le loro speranze gli amori e i polmoni condannati.”

“Era amore a prima vista, a ultima vista, a eterna vista.”

© Review a cura di Alessia Prestanti

Presentazione Ultimo Romanzo

Salve readers,

finalmente è arrivato per me un momento molto importante ed emozionante: la presentazione del mio ultimo libro: Il sapore delle lacrime.

Locandina_V1

Si svolgeranno due presentazioni: la prima data 15/06 a Poggio a Caiano (Prato) e la seconda 19/06 a Livorno. Chi di voi volesse partecipare e condividere con me questo momento speciale, è il benvenuto. Quindi siete tutti invitati!! 🙂 A fine presentazione faremo il firma-copie dei libri, dove firmerò le due copie per la vincitrice/vincitore del Giveaway. Vi ricordo che su i miei profili social trovate il post del Giveaway (avete tempo fino al 14 giugno ore 17:00, per partecipare).

Ringrazio Marta Rasetti, entusiasta relatrice di entrambe le presentazioni, Giacomo Mari, assessore alla cultura di Poggio a Caiano, che ha reso possibile la realizzazione dell’evento nella bellissima Biblioteca Inverni, presso le antiche scuderie medicee; la Libreria Erasmo, di Livorno che mi ha dato la disponibilità per farmi conoscere oltre il mio paese natale; il Gruppo Giova Production (onlus) di Poggio a Caiano, e le loro bravissime attrici Gaia e Giulia, che interpreteranno le letture degli estratti.

Ringrazio mio marito Giacomo, che mi aiuta quotidianamente nelle scelte e mi supporta in ogni occasione. La sua fiducia in me è tutto. È la mia roccia e il mio sole.

E poi… ringrazio il web, le lettrici e i lettori di iBooks e Kindle che, al di là dei no delle case editrici, con “Non ti vorrei” mi hanno fatto credere di più in me stessa e intraprendere questa strada con coraggio e voglia di scommettere su me stessa. Grazie per i 70 mila download e le 2500 recensioni. Spero che questo sia solo l’inizio di un cammino. I progetti ci sono. Aspettano solo di essere realizzati. E le storie di essere scritte.

Alessia

10 libri da sotto l’ombrellone (per inguaribili romantiche)

Buon pomeriggio readers,

l’estate è alle porte e oggi voglio parlarvi proprio di libri da infilare nella borsa mare tra telo e creme solari, e in questo caso mi rivolgo soprattutto a quelle di voi che prediligono il batticuore. A me personalmente piace spaziare tra vari generi, soprattutto fantasy, gialli, suspense e romance. Ma per quest’ultimi ho sempre avuto una certa predilezione. Ecco i 10 libri che vi consiglio se (un po’ come me) siete delle inguaribili romantiche, anche sotto l’ombrellone.

PS: I love you, Cecelia Ahern

ps-i-love-you-libro.jpgHolly e Gerry sono una di quelle coppie che vivono in simbiosi e fanno tutto insieme. Quando, all’improvviso, Gerry muore, Holly è devastata, ha l’impressione che la sua esistenza non abbia più alcun significato. Ma è anche arrabbiata, si sente tradita: lui aveva promesso che non l’avrebbe mai lasciata, come può ora farcela da sola? Gerry aveva previsto tutto questo e un giorno il postino recapita a Holly una busta da cui escono dieci lettere, ciascuna con il nome di un mese scritto sopra, e un dolcissimo “P.S. I love you” in chiusura.


Scrivimi ancora, Cecelia Ahern
318TXoird2L.jpg

Fin da bambini, Rosie e Alex, compagni di banco in una scuola elementare di Dublino, cominciano a scriversi letterine e bigliettini in una fitta e tenera corrispondenza. Così si scambiano inviti alle feste, progettano marachelle o sparlano di genitori e insegnanti. Il tempo passa, ma loro non cambiano modo di comunicare, utilizzando le e-mail e gli sms per i pettegolezzi dell’adolescenza e per confessarsi le rispettive prime esperienze sentimentali. Quando Alex è costretto a trasferirsi a Boston, Rosie pensa a sua volta di iscriversi a un’università americana. Ma, alla vigilia della partenza, un evento inaspettato la costringe ad annullare il viaggio. Divisi da un oceano e dalle circostanze della vita, continueranno a scriversi, perché il loro intensissimo legame è destinato a non interrompersi mai.


Il cavaliere d’inverno, Paullina Simons

71O+b2OaU8L.jpg

Leningrado, 1941. In una tranquilla sera d’estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell’Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta suvbito un’attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l’assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.


I passi dell’amore, Nicholas Sparks

recensione-libro-i-passi-dell-amore-nicholas-sparks1.jpgA distanza di tempo, Landon Carter rivive con rimpianto i giorni della sua adolescenza a Beaufort, una sperduta cittadina del Sud. Erano gli anni Cinquanta e lui era il tipico ragazzo “ribelle” in una piccola comunità conformista e sonnolenta. Un giorno, proprio in occasione del ballo della scuola, viene lasciato dalla fidanzata e, controvoglia, invita Jamie, la riservata e devota figlia del pastore. Insieme non formano certo una coppia bene assortita, eppure il destino ha in serbo per loro la più straordinaria delle sorprese.


Le pagine della nostra vita, Nicholas Sparks

4122697_279277.jpg

North Carolina, 1946: il giovane Noah, tornato nel paese natale dopo la guerra, realizza il sogno – coltivato da tempo – di abitare nella grande casa vicino al fiume, da lui riportata all’antico splendore. Alla perfezione del quadro manca però Allie, una seducente ragazza incontrata anni prima, amata disperatamente nel breve spazio di un’estate e mai più ritrovata. Invece, un giorno lei ricompare, per vederlo un’ultima volta prima di sposarsi. Ma il destino ha deciso altrimenti, scrivendo per loro una storia diversa.


Io prima di te, Jojo Moges

ioprimadite-1.jpg

A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell’autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un’esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l’altro per sempre. “Io prima di te” è la storia di un incontro. L’incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza e la felicità, e all’improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l’una all’altra a mettersi in gioco.


Memorie di una geisha, Arthur Golden

image_book.php-2.jpeg

Circondate da un’aura di mistero, le geishe hanno sempre esercitato sugli occidentali un’attrazione quasi irresistibile. Ma chi sono in realtà queste donne? A tutte le domande che queste figure leggendarie suscitano, Arthur Golden ha risposto con un romanzo, profondamente documentato, che conserva tutta l’immediatezza e l’emozione di una storia vera. Che cosa significa essere una geisha lo apprendiamo così dalla voce di Sayuri che ci racconta la sua storia: l’infanzia, il rapimento, l’addestramento, la disciplina – tutte le vicende che, sullo sfondo del Giappone del ‘900, l’hanno condotta a diventare la geisha più famosa e ricercata. Un romanzo avvincente e toccante, coronato da uno straordinario ritratto femminile e dalla sua voce indimenticabile.


Ho il tuo numero, Sophie Kinsella

arton15636.jpgCosa accade se ti scippano il telefonino e tutta la tua vita è lì dentro? Ti senti persa, naturalmente. È quello che capita a Poppy, una scombinata fisioterapista prossima alle nozze con un affascinante docente universitario. Proprio quando il telefono le serve per una faccenda a dir poco urgente! Perché tra le altre cose, nel bel mezzo di una festa con le amiche ha appena perso il suo prezioso anello di fidanzamento, uno smeraldo come non ne ha mai visti nella sua intera esistenza. Poppy è nel panico, e mentre cerca affannosamente l’anello perduto cosa vede in un cestino dei rifiuti? Un cellulare nuovo di zecca che sembra aspettare proprio lei. È un attimo. Ed è suo. Non può permettersi il lusso di rimanere scollegata, non in questo momento. Ma di chi è quel telefono? E a cosa si riferiscono gli strani messaggi che riceve? Poppy non ha il tempo di farsi troppe domande. Ha un anello da ritrovare, un matrimonio da organizzare e qualche cosuccia in sospeso con i suoi futuri suoceri. Ma non sa che quel telefono e lo sconosciuto con cui si troverà a condividerlo le metteranno a soqquadro la vita.


La mia vita non proprio perfetta, Sophie Kinsella

41Fl6hXLwkL._SX322_BO1,204,203,200_.jpg

Katie è una ragazza di campagna di ventisei anni il cui sogno è diventare una londinese con la L maiuscola. Adora la vita della grande metropoli scintillante, ma il punto è che non se la può permettere. Come tante persone della sua età fa fatica ad arrivare alla fine del mese, anzi della settimana, tra stage mal pagati e lavori a termine è sempre a corto di soldi, vive in uno spazio minuscolo in coabitazione con altri ragazzi con cui non va esattamente d’accordo, si veste solo con abiti presi al mercato, mangia come un uccellino, ma nonostante tutto ciò resiste. Katie fa credere a tutti di avere una vita fantastica postando su Instagram foto patinate e modaiole, ma la verità è tristemente un’altra. Lei vorrebbe diventare come Demeter, anzi essere Demeter, la sua responsabile nella famosa agenzia di marketing in cui ora lavora, una quarantenne realizzata nella professione e nella vita, piena di glamour, sicura di sé e molto egocentrica. Ma quando improvvisamente Katie rimane di nuovo senza lavoro, è costretta a tornare a vivere dai genitori nel Somerset. Mortificata, vede svanire il suo sogno di carriera, ma ancora non sa che la partita è tutta da giocare. La mia vita non proprio perfetta è una commedia agrodolce che gioca con grande arguzia sul tema dell’apparire. Quante persone al mondo cercano di dare un’immagine di sé che non corrisponde affatto a quella vera, soprattutto sui social? Ancora una volta Sophie Kinsella dimostra un talento e una sensibilità ineguagliabili nel raccontare storie con grande empatia e ironia.


Colpa delle stelle, John Green

colpa-stelle-libro-cover2_emb4.jpg

Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.


Avevate già idee per quest’estate? Avevate già preparato qualche libro? Che genere prediligete di solito? Fatemi sapere nei commenti! 🙂

A presto,

Alessia