L’altra verità

📚L’altra verità📚

Diario di una diversa

di Alda Merini

95E1D8A8-9D45-458C-93CF-88EB560D8618.JPG

Edito da: Rizzoli

⭐️⭐️⭐️  3 stelle (e mezzo)

In questo libro Alda Merini descrive la parte della sua vita passata in manicomio, dal momento in cui ci si è ritrovata all’improvviso, fino al difficile ritorno alla vita quotidiana. Ho sempre ammirato l’anima delicata della poetessa milanese, e mi sono voluta immergere in questo libro per scoprire di più su di lei. Secondo il mio personale parere si descrive l’esperienza sempre a grandi linee quasi con un certo distacco o timore di raccontare, almeno questo è quello che ho provato io leggendo. Come se volesse affrontare l’argomento, senza però andare fino in fondo. Si è focalizzata – giustamente – più sull’inno alla vita, che sugli orrori dell’ospedale psichiatrico, come elettroshock, medicine prese con la forza e torture psicologiche. Comunque nel complesso il libro scorre tra le pagine e si comprende bene il carattere di Alda, che nonostante la solitudine, l’abbandono, persino in quegli anni bui, non ha mai smesso di lottare e di cercare l’amore, ma soprattutto di amare la vita.

Citazioni:

“Avevo fame di cose vere, naturali, primordiali; avevo fame di amore. L’avrebbero mai capito gli altri?”

“E così, anche se noi dovevamo rigare dritti come soldati, e fingerci contenti, seguitavamo a morire giorno per giorno, senza che gli altri se ne accorgessero.”

© Foto e FlashReview a cura di Alessia Prestanti

Annunci

The help

📚The Help📚

di Kathryn Stockett

IMG_0842.JPG

Edito da: Mondadori

⭐️⭐️⭐️⭐️  4 stelle

Qualche settimana fa ho finito di leggere questo libro; mi era stato consigliato da un’amica che aveva visto il film e le era davvero piaciuto. Con la lettura devo dire che all’inizio ho avuto qualche difficoltà: mi sembrava un po’ noioso, poco entusiasmante, ma da metà in poi è risultato più scorrevole e la storia più coinvolgente. Quello che mi ha conquistata è il bel rapporto che nasce tra Skeeter (la ragazza bianca che vuole diventare scrittrice) ed  Aibileen e Minny (le domestiche di colore). Aldilà del colore della pelle, dei pregiudizi della società, delle leggi imposte dallo stato del Mississipi, loro diventano amiche. Le loro vite sono così diverse, eppure condividono lo stesso obiettivo: cambiare le cose! Aibileen e Minny uniscono con coraggio le loro forze, andando oltre la paura di cosa potrebbe succedere loro se parlassero in un libro di com’è lavorare per delle famiglie bianche. Nonostante le difficoltà, decidono di raccontarsi… per un mondo migliore, ma soprattutto per sentirsi finalmente libere.

Citazioni:

“Sento la faccia in fiamme, la lingua pronta a scattare. Non so cosa dirle: so soltanto che non glielo dico. E so che neanche lei dice quello che vuole dire, ed è strano perché nessuno dice niente eppure è come se ci parlassimo lo stesso.”

“Chi immaginava che il cuore spezzato facesse così male?”

“Il Mississippi è come mia madre: io posso lamentarmene finché voglio, ma guai a chi osa sollevare una minima critica nei suoi confronti, a meno che anche lui non sia suo figlio.”

Curiosità:

Come faccio di solito, dopo la lettura del libro, mi sono guardata la trasposizione cinematografica e devo dire che è molto fedele al libro. È divertente e a tratti esilarante! Epica “la grande porcata” di Minny 😀 Da vedere senz’altro 🙂

 

© Foto e FlashReview a cura di Alessia Prestanti

“THE NEW YEAR BOOKTAG”

 

Ciao a tutti readers.

Oggi un articolo dedicato ad un book tag che ho letto sul blog di Fall in books, che lo ha visto su La volpe del libro e a sua volta dalla booktuber Jo Reads (che tra l’altro seguo da un po’, ma questo book tag me l’ero perso nei meandri internettiani). Comunque, qualunque sia l’origine di questo book tag, non potevo esimermi dal parteciparvi! 🙂

Perciò ecco qua, cominciamo.

Domanda n.1: Quanti libri hai intenzione di leggere nel 2018?

Sul mio profilo Goodreads quest’anno mi sono prefissata un obiettivo di almeno 30 libri, visto che nel 2017 mi ero proposta 20 libri e alla fine ne ho letti qualcuno in più. Vediamo se quest’anno mi supero di nuovo. 😀

Domanda n.2: Nomina 5 libri che non sei riuscita a leggere quest’anno ma che avranno la priorità nel 2018.

Nella mia Reading list 2017 qualche titolo in effetti è rimasto fuori, vuoi per l’istinto di leggerne altri, vuoi per lo stato d’animo del momento. Tra quelli che non ho letto ma che vorrei leggere quest’anno c’è sicuramente:

1 – Cime Tempestose di Emily Brontë

2 – Il buio oltre la siepe di Harper Lee

3 – Un viaggio chiamato vita, Banana Yoshimoto

4 –  Norwegian Wood, Murakami Haruki

5 – Ciò che inferno non è, Alessandro D’Avenia

Poi ovviamente ce n’è un’altra infinità di libri che vorrei leggere. Non finiranno mai temo  😉

Domanda n.3: Nomina un genere che vorresti leggere di più.

Forse più gialli / suspense. E’ un genere che mi piace tanto e che mi fa staccare la spina, ma per vari motivi a me stessa ignoti poi ne leggo meno di quanto vorrei.

Domanda n.4: 3 obiettivi che non riguardano i libri che vorresti ottenere nel 2018.

Qui sul mio blog non parlo di cose personali che non riguardano i libri. E poi i miei obiettivi girano ugualmente intorno ai libri, perché riguardano la scrittura 😀 Infatti spero di riuscire a finire quest’anno la stesura del nuovo libro a cui sto lavorando.

Domanda n.5: Qual è un libro che hai da una vita e che ancora devi leggere?

Purtroppo ne ho diversi che ho comprato da un po’ e sono rimasti lì in attesa (non lo dite a mio marito 😛 ). Forse quello che ho da tanto tempo e devo ancora leggere è proprio “Il buio oltre la siepe”. Ma prometto che quest’anno provvederò!

Domanda n.6: Una parola che vorresti rappresentasse il tuo 2018?

Felicità. Felicità condivisa.

Senza ombra di dubbio. E spero davvero sia la parola chiave di questo 2018; d’altronde, chi non vuole essere felice nella vita?


 

Il book tag termina qui. Chi vuole può continuare a partecipare, e in caso lo scriva qui nei commenti: sono curiosa di leggere le vostre risposte librose. Alla prossima!

Alessia

Macerie prime

📚Macerie prime📚

di ZEROCALCARE

IMAGE 2018-01-22 17:53:50.jpg

Edito da: BAO PUBLISHING

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️  5 stelle

Zerocalcare non si smentisce e dopo l’esperienza di Kobane Calling* (che mi era piaciuto tantissimo) torna ad una dimensione più intima, parlando di sé e degli amici di sempre. Punta l’attenzione sulle crisi che ci troviamo ad affrontare nella vita dopo i fatidici 30 e, attraverso un bambino che prende appunti, ci mostra con tutta la sua geniale ironia i demoni che a volte ci dominano prendendo il sopravvento e che poi si portano via un pezzo di noi.

Con i suoi disegni Zero sa essere divertente, ironico,
commovente e struggente allo stesso tempo. La consiglio come lettura anche a chi di solito non legge fumetti. Macerie prime? Promosso sicuramente a pieni voti! 🙂

* [ Trovate la mia recensione di Kobane Calling –> qui. ]

Citazioni:

“Mi serve un mattone. Uno solo. Per poter continuare a costruirci sopra quel castello Lego di illusioni che mi fa alzare la mattina.”

“Però a volte per non crollare, cerchiamo un bersaglio su cui scaricare il caricatore. Un capro espiatorio che dia senso al nostro dolore. E in cambio di quel senso diamo via un pezzetto della nostra umanità. Per cui ci ritroviamo a dire cose che ci vergognavamo anche solo a pensare.”

Curiosità:

Sono stata alla presentazione del fumetto a Campi Bisenzio (FI), dove ho avuto l’occasione di conoscere l’autore dal vivo, parlarci un poco e farmi fare uno dei suoi famosi “disegnetti”. 😀 Devo dire che Zerocalcare è davvero una persona squisita, simpatica, genuina e molto alla mano.

Ah, nota importantissima: questo è un fumetto diviso in due. La conclusione uscirà a maggio 2018!

Perciò… stay tuned! 😀

 

© Foto e Review a cura di Alessia Prestanti

SalvaSalva

#BambineRibelli

📚Storie della buonanotte per bambine ribelli📚

di Elena Favilli e Francesca Cavallo

C1BF4DCF-1F94-4C8F-8B6C-D934A923BFE5.JPG

Edito da: Mondadori

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️  5 stelle

C’era una volta, una principessa che aspettava il principe azzurro? Niente affatto. Tra queste bellissime pagine illustrate, scoprirete le vite di ragazze e donne coraggiose, indipendenti, forti, generose e determinate. Donne che si sono poste degli obiettivi e li hanno raggiunti con sacrifici; donne che a costo della vita hanno stabilito dei record mondiali. Delle vere eroine, altro che i banali super eroi. Dei veri e propri esempi di vita, che vogliono spronare ogni giovane donna a non temere niente, né i dogmi imposti dalla società, né i propri limiti. Quello che sembrava impossibile, è stato invece possibile solo grazie alla dedizione e alla forza d’animo di queste instancabili donne. “Storie della buonanotte per bambine ribelli” è un vero e proprio inno al “girl power”. Ogni bambina, giovane donna, e donna dovrebbe leggerlo (senza dimenticare tutti i maschietti: anche loro hanno bisogno di capire quanto noi donne siamo capaci di fare).

Citazioni:

“Sii sempre fedele a te stessa e non permettere mai a quello che dicono gli altri di distrarti dai tuoi obiettivi.” Michelle Obama

“Soprattutto, non temete i momenti difficili. Il meglio viene da lì.” Rita Levi Montalcini

“Non puoi cambiare le circostanze, ma solo il modo in cui le affronti.” Jessica Watson

“Le cose migliori e più belle del mondo non si possono vedere né toccare: si devono sentire con il cuore.” Helen Keller

“Anche di fronte alle più grandi sfide, non abbandonare mai i tuoi sogni. Più insisterai, più ti avvicinerai a ottenere quello che desideri. Quando le cose diventano difficili, tu diventa ancora più forte.” Amna Al Haddad

Curiosità:

È stato il libro più venduto in Italia nel 2017 (ben 470.000 copie). Ultimamente la Mondadori ha svelato l’uscita del secondo volume!! Sarà disponibile in Italia dal 27 febbraio 2018!! Save the date!

Io lo prenderò sicuramente. Non vedo l’ora.

#bambineribellidelmondounitevi 🙂

© Foto e Review a cura di Alessia Prestanti

Top 5 books 2017

Ciao a tutti readers,

oggi vi parlo dei miei top five books 2017, ovvero i cinque libri letti quest’anno che mi sono piaciuti di più. Non è una classifica dei miei libri preferiti, ma solo di quelli che mi sono piaciuti maggiormente in quest’anno di letture. Ovviamente si tratta del mio giudizio personale. Sul mio blog, trovate comunque un articolo dedicato a ogni libro (tranne On writing, di cui non ho ancora fatto la recensione).

Ma… partiamo! 🙂

Posizione numero 5:

  • La mia vita non proprio perfetta, Sophie Kinsella

fullsizerender-3.jpg

5 – Un romanzo fresco in tipico stile Kinsella, divertente ed ironico, che fa riflettere sulla troppa importanza che si da all’apparenza nel mondo dei social. Mai giudicare una persona da quello che si vede su Instagram! 😉

 

Posizione numero 4:

  • Buona vita a tutti, J.K. Rowling

img_0661.jpg

4 – Letto subito dopo Natale. Buona vita a tutti è un libro breve, che si legge in pochi minuti, ma che sa darti la giusta motivazione e pone l’accento sull’importanza del fallimento e dell’immaginazione.

 

Posizione numero 3:

  • La ragazza con l’orecchino di Perla, Tracy Chevalier

img_6199.jpg

3 – Eccoci sul podio. La ragazza con l’orecchino di perla è stata una delle mie prime letture di questo 2017, forse proprio la prima. Si tratta di una storia di passione celata, un romanzo intriso di mistero, arte e purezza da assaporare pagina dopo pagina.

 

Posizione numero 2:

  • On writing, Stephen King

78CDF4C8-FEBD-44D4-998B-C7BDD83064F0.JPG

2 – Non poteva non essere sul mio podio un libro sulla scrittura. On writing è un must-have per chi ama scrivere, con ottimi consigli pratici, ma anche per chi vuole conoscere di più il Re e la sua storia.

 

Posizione numero 1:

  • Il cavaliere d’inverno, Paullina Simons

img_0424.jpg

1 – Eccoci al primo posto. Il cavaliere d’inverno mi ha veramente fatta emozionare. È stata una lettura abbastanza lunga, nel senso che l’ho letto in varie fasi e in periodi diversi: inizialmente in ebook, finendolo cartaceo. È senz’altro un romanzo ricco di passione, d’amore puro e reale, ma anche di guerra, miseria e morte. Una lettura per inguaribili romantiche che vogliono emozionarsi e trattenere il respiro fino alla fine.

 

__________________________________________

 

Questa era la mia classifica. Non è stato facile scegliere 5 libri; ce n’erano altri che mi sono piaciuti e che ricordo di aver letto con molto piacere:

Le otto montagne di Paolo Cognetti

IT di Stephen King

Le sette sorelle di Lucinda Riley.

 

E voi? Quali sono i vostri TOP 5 books 2017? Fatemi sapere 🙂

Alla prossima,

Alessia

 

© Foto e articolo a cura di Alessia Prestanti

Buona vita a tutti

📚Buona vita a tutti📚

di J. K. Rowling

IMG_0661.jpg

Edito da: Salani

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️  5 stelle

Dopo il menù di Natale avevo proprio bisogno di qualcosa di breve, fresco e leggero. 😀 Buona vita a tutti è stato perfetto. Un libro che si legge VERAMENTE in poco tempo. Un quarto d’ora, venti minuti al massimo. Giuro. A prova di digestione 😉

Questo libretto racchiude poche ma “buone” parole, tanto per restare in tema. Il titolo riprende la famosa frase tramandata “lunga vita a tutti” e si trasforma in una vita non lunga, ma bensì di qualità, una vita buona, degna di essere vissuta. La Rowling, nel suo discorso ai neolaureati di Harvard, spiega come il fallimento nella vita e l’immaginazione possano salvare delle vite, in primis le nostre e poi quelle degli altri. Riportando come esempio la sua vita, racconta che toccare il fondo ti aiuta a conoscere te stesso, a raggiungere la consapevolezza di essere forte e capace di rialzarti. L’immaginazione ti permette di essere più empatico, immedesimandoti meglio nella vita quotidiana degli altri. Troverete questo e molto altro nelle vivaci pagine di questo libro “motivazionale” senz’altro da leggere.

Citazioni:

“È impossibile vivere senza fallire in qualcosa, a meno di vivere così prudentemente che tanto varrebbe non vivere affatto… Nel qual caso si fallirebbe in partenza.”

“Non conoscerete mai veramente voi stessi o la forza dei vostri rapporti finché le avversità non vi avranno messi alla prova.”

“La vita è difficile, complicata e sfugge al controllo di chiunque, e l’umiltà di capirlo vi consentirà di sopravvivere alle sue vicissitudini.”

© Foto e Review a cura di Alessia Prestanti